Journal Posts

Tag: la_scomparsa_della_mangusta_d'oro

Scaccomatto Verdone!
Alla fine si stava alla mangusta a fissare il soffitto.
Che ci arriva? un invito di gran gala da parte di Argathax.
Per chi non lo sapesse Arghy è stato il mio mentore, che ora si dice abbia fatto i soldi veri.
Si tratterebbe di andare a vederlo a Sharn, Flamin' Flamingo Theather, robba di lusso.
Visto che stavamo fissando il soffitto, si va; giusto il tempo di affittare un abito da funerale.
Arriviamo giusto in tempo . Vai a Sapere, che di tempo ne avremmo avuto...
Lo spettacolo non inizia e quindi decidiamo di sfruttare il " conosco il cabarettista" per inoltrarci nelle stanze di servizio.
Ci sta Argathax in una pozza di sangue, tumefatto di botte, visibilmente sbreccato nel viso e nell'anima.
Dopo un primo soccorso ci fiondiamo alla ricerca del colpevole sventagliandoci come solo i segugi di Mordenkainen sanno fare.
Oddio. Pure i Nazghuol, ma quella è un'altra storia.
Le tracce ci portano prima a parlare col procuratore, Milven, di Arghy, che ci rivela di aver un sospeso di danari e uno scazzo amoroso con un tizio in una bisca, poi una seconda parallela pista ci porta proprio a quella bisca dove identifichiamo grazie ad un certosino identikit, e un po' di fortuna, il picchiatore (un homo lucetola verde) e lo picchiamo male male male. Talmente male che il Master ha sospeso la sessione proprio a quel punto.
Viewable by: Public
0 comments
Ritorno ad Alderaan
Mentre Tornviken, Gogrash e Jhou combattevano contro gli hobgoblin, i due membri rimanenti si risvegliano nei sotterranei della Mangusta ed immediatamente sono attaccati da una cockatrice; la fiera viene prontamente fatta in mille pezzi da un misterioso gnomo che, una volta ricongiuntisi col resto del gruppo, si presenta come Michele Foresta, in missione "per conto di Dio", e che gli uomini nella Mangusta erano stati "sacrificati" per trovare la pietra misteriosa.
Tornati ad Alderaan, il gruppo si separa: chi si riposa, chi va in giro ad indagare sulla misteriosa pietra, e chi infine invia un messaggio alla base per informare della situazione. La risposta giunge prontamente, dando al gruppo la conferma per stabilire una propria base personale "a patto scegliere un nome migliore".
Nel mentre, Franz incontra la figlia di una scostumata mercante che gli chiede di unirsi a loro, richiesta che il robot non riesce a rifiutare del tutto; inoltre riceve delucidazioni sulla pietra, e scopre che Michele era sulle tracce di questi misteriosi oggetti.
Riunitosi il gruppo, Michele si offre di unirsi e mostra loro delle cicatrici sul braccio, e a poco servono i tentativi degli altri di cavargli qualche informazione extra; sebbene dubbiosi, accettano di portarlo con sé, almeno finché non gli darà una scusa per cacciarlo a calci. Dopo una bevuta tutti tornano nelle loro stanze per dormire.
Viewable by: Public
0 comments
Epic!
Ti gusta la Mangusta?
Scesi nei sotterranei della Mangusta D'Oro, il gruppo si trova ad indagare sulle tracce lasciate sui cadaveri rinvenuti là sotto: la misteriosa runa che avevano su di loro viene ritrovata altre volte, sui muri delle rovine e su di un cerchio di evocazione che aveva portato nel nostro mondo una mostruosità dalle innumerevoli bocche.
In una stanza protetta da tre Ombre il gruppo ritrova anche una missiva accartocciata, e la pietra posseduta da Franz riluce guidando il gruppo verso il nascondiglio di un oggetto simile, con sopra incisa un'ala.
In un'altra stanza, una goffa manovra di Gogrash causa un incendio, che porta Tornviken a gettarsi in una fontana per spegnere le fiamme e ad ingerire accidentalmente dell'acqua.
Finita l'esplorazione dei sotterranei (e dopo uno scontro con delle feroci cockatrici) il gruppo decide quindi di aver visto abbastanza, e si dirige verso l'uscita; un dolore atroce attanaglia le viscere di Tornviken, ma la tempestiva reazione di Gogrash con una Pozione di Cura impedisce il peggio.
Una volta usciti il gruppo viene assalito da tre hobgoblin intenti a spruzzare acido su ciò che rimaneva della Mangusta, che vengono eliminati con non poche difficoltà.
Viewable by: Public
0 comments
Giunti ad Alderan
Al quinto giorno di marcia ci imbattiamo in un carro, lungo la strada, con dei cavalli morti. Quatti ci avviciniamo e scoviamo delle figure in agguato, goblinoidi, al ciglio della strada, celati tra i rovi.
Mentre alcuni di noi si apprestano ad eliminare il pericolo di una imboscata, altri fanno da esca arrivando in prossimità del carretto.
In realtà si trattava di una controimboscata, il carretto era l'esca ma i cavalli morti erano i predatori! rianimati da rune necromantiche presenti sui loro corpi si animano e sferrano dei potenti morsi, mentre buona parte del gruppo scopre che in realtà i goblinoidi appostati sono dei fantocci.
Nonostante tutto abbiamo la meglio e si prosegue.
Arriviamo ad Alderan che si appresta alle elezioni del nuovo sindaco.
il candidato favorito è un ricco possidente che possiede mezza città tra cui anche la Mangusta Dorata che scopriamo essere stata oggetto di un rogo.
Si va ad indagare nottetempo. Tra le macerie rintracciamo e recuperiamo il corpo ancora in vita di una inserviente della compagnia residente alla Mangusta. In suo possesso un "giratempo" , oggetto curioso non meglio identificato.
Ella, Mezzorca, ci racconta dell'esplosione occorsa, e che i sotterranei della mangusta probabilmente nascondono degli indizi per riscostruire l'accaduto e sapere di più riguardo alla sorte dei residenti.
Decidiamo di discendere.
Viewable by: Public
0 comments
La Canzone della Strada per Alderan
La Canzone della Strada per Alderan


Cosa chiedesti al Genio , bambino?
un posto calduccio accanto al camino?
il sogno di tutti è stare al sicuro
sentendo di storie dal finale oscuro.

Racconti di mondi appesi alla barba
di ladri, di folli, di pieni di boria
di quando cozzai di muso alla storia
racconterei a te, se la cosa ti garba.

Fummo d’ incontro, quasi per caso,
sette gendarmi senza alcuna divisa,
che per danari sotto al proprio naso
la cucirono addosso, adatta di guisa

Sicchè partimmo per un nondove
per stillare il fiele all’amara fortuna
mentre la vita sventure raduna
avant’ a te stesso se miri l’altrove.

Un ladro silente sta sempre in disparte,
un uomo di latta ed un ragno di ferro,
un barbarimmane che falcia la morte
ed una preta tendente all’azzurro,

a chiuder il cerchio di silente orchestra
la figura mia staglia , sagace e scaltra,
ed un arcanista che Trama non filtra
come il lapillo che ora è ginestra.

Dunque partimmo con lance e balestre
noi, coi cavalli, e poche provviste
a galoppare per rotta campestre
Alderan verso, se Fato c’assiste.

Passa nel viaggio un giorno e un in più
senza la nota di alcuna nota
come il silenzio in camera vuota
A goder del sole e del clima che fù.

Quando che usai il mio flauto dolce
fu per risolvere la situazione:
che vide il lattone e il ladro, in croce,
già nelle more d'un verde biscione


Dote fù mia , senza falsa modestia,
di tesser trama di flauto e linguaggio
che un magico suono di tipo ammaliaggio
indusse alla in fuga la strisciante bestia.

La notte avè loco senz'altro impiccio
e l’alba fu desta per continuar tosto
subito che, d’un par d’ore e uno straccio,
figure briganti usciron dal bosco:

venti bugbear e a capo un gigante
chiedevano il pizzo usando il bastone
ad un poveretto dal color del biscione
che botte di randa ne avea prese tante.

Come si confàa a i grandi di cuore,
spinsi al galoppo il cavallo di razza
sicchè mi scagliai con rosso furore
che rosso di tagli fù l’omo di stazza.

Mentre i miei arditi facean un trancio
dei venti bugbear venuti all’azione
quando finirono con il fiatone,
io avea allor preparato già il rancio.

--Mangiate fratelli che in me foste d’arme
che io mi tolgo per voi il pan di bocca
mangiam con verd’omo che gridò l’allarme
e noi, se ci paga, sarem la sua rocca.

In fin ci pago’ con erbe, il verdone
che ‘l mago disse esser buone per fare
cose col fiato anche se in fondo al mare
od , in altra istanza, un buon minestrone.



Jhou Kaskshaellan
Viewable by: Public
0 comments
Epic × 2!